sabato 5 gennaio 2013

L'età avanza, come il pane in credenza.

Che arrivi per cause naturali o indotta chimicamente, la menopausa rivoluziona matabolismi e corpi  sconvolgendoci la vita.

Medici, omeopati, fitoteraperuti e nutrizionisti, sono tutti d'accordo sul fatto che si tratta di un evento naturale  da accogliere con un atteggiamento positivo; anche se, nella maggior parte dei casi, il tentativo di abbatterlo con cure ormonali a base di estrogeni e progesterone sintetico non aiuta certo a fare amicizia con questo particolare stato fisiologico.
Quindi che si fa? Cosa si deve mangiare in menopausa? Presto detto: fitoestrogeni; acidi mono e polinsaturi;  immancabili omega3, enzimi, fibre e minerali; antiossidanti e altre sostanze alimentari impronunciabili come i bioflafonoidi.
Ma più che per capacità teraputiche più o meno comprovate, come spesso accade, il cibo è la soluzione a gran parte delle nostre "paturnie" emotive. Indi per cui ecco la prima di una serie di ricette invernali che più appagano il mio senso di creazione culinaria riuscendo a mettere d'accordo gusto personale e cognizioni di un'adeguata alimentazione trasmessa da pubblicazioni varie e chiacchierate con i dietologi e i nutrizionisti che ho conosciuto.

Carpaccio di Tofu.
Si sbollenta un panetto di Tofu intero in acqua bollente leggermente salata per circa un paio di minuti, poi si scola e si lascia raffreddare.
Per il condimento si frulla mezza tazza di olive nere snocciolate, una tazzina di capperi sotto sale lavati, uno spicchio d'aglio e una manciata di prezzemolo tritato, si condisce il tutto con olio e.v.o. e un cucchiaino di succo di limone mescolando bene e lasciando riposare almeno per 5 minuti.

Nel frattempo il Tofu si è raffreddato e si può affettare sottilmente e sistemare nel piatto di portata rivestendolo in modo uniforme col condimento preparato.

E visto che il cibo si assaggia prima di tutto con gli occhi, si completa con una spolverata di prezzemolo tritato fine e una bella cascata di chicchi di melagrana!